La lesione del legamento crociato anteriore

La lesione del legamento crociato anteriore, uno degli infortuni più frequenti che interessano il ginocchio.

lesione legamento crociato anteriore dolore ginocchio

Se pratichi uno sport da contatto, o che prevede salti, cambi di direzione, come il calcio, la pallavolo, il basket, lo sci, probabilmente sarai incorso tu, o un tuo compagno, in un infortunio, come una lesione del legamento crociato anteriore.

La lesione del legamento crociato anteriore è una delle condizioni più comuni che interessano il ginocchio, osservata soprattutto negli atleti e nei giovani soggetti.

Può essere causata da un contatto durante una competizione, ma può anche presentarsi in assenza di scontri

Il legamento crociato anteriore (LCA) è uno dei quattro maggiori legamenti del ginocchio ed ha un ruolo importante nel garantire e mantenere la stabilità dell’articolazione durante l’attività. 

Ha una lunghezza media di 3 cm e un diametro medio di 1,1 cm: nonostante le piccole dimensioni, è fondamentale per il corretto funzionamento e per il benessere a lungo termine dell’articolazione stessa. 

Come può avvenire la lesione del legamento crociato anteriore?

Proprio per via della sua posizione e funzione, la lesione o la rottura del crociato è molto frequente.

Può avere origine da un contatto diretto con un avversario o un oggetto (traumatico) o senza alcun contatto.

Circa il 70% di queste lesioni sono legate a decelerazioni brusche o a cambi improvvisi di direzione, o atterraggi dopo un salto: un improvviso movimento combinato di flessione e rotazione esterna del ginocchio può infatti causare la lacerazione.

Di solito, il paziente sente un rumore di schiocco, e può percepire fin da subito, che ci sia qualcosa di rotto o fuori posto, con l’aumento dell’instabilità.

Ad essa, si possono sommare dolore e gonfiore, che a volte compaiono qualche ora dopo il trauma.

Solitamente dolore e gonfiore si risolvono nel giro di 2 settimane, dopo il riposo e l’utilizzo di ghiaccio e farmaci, mentre permane l’instabilità che non permette al paziente di praticare sport.

Come capire se il legamento crociato anteriore si è rotto?

Per via della soggettività del dolore e del gonfiore, la lesione non è sempre evidente.

La diagnosi è clinica, ed è eseguita da uno specialista ortopedico, che è in grado di verificare l’effettiva lesione del legamento grazie ad alcuni test fisici che consentono di valutare la lassità legamentosa dello stesso, come:

  • Test di Lachman
  • Test del cassetto anteriore
  • Pivot shift test

Per completare la valutazione, al paziente possono essere prescritte la risonanza magnetica e la radiografia.

La prima ha lo scopo di valutare in dettaglio tutti i danni a legamenti, cartilagini e tendini, mentre la seconda per verificare la presenza di fratture o altre problematiche ossee.

In associazione ad una rottura del crociato è possibile infatti che si verifichino anche altre tipologie di lesioni, come una lesione del menisco, lesioni del legamento collaterale mediale e lesione della cartilagine. 

Inoltre una lesione del crociato è un fattore predisponente all’artrosi del ginocchio.

Il mancato riconoscimento e l’assenza di un trattamento adeguato può portare ad un maggior rischio di instabilità con conseguenze nella vita di tutti i giorni.

Come curare la lesione del crociato anteriore?

Subito dopo il trauma è indicato utilizzare le stampelle, applicare il ghiaccio e assumere antinfiammatori.

Successivamente, è molto utile iniziare un percorso riabilitativo mirato al rinforzo dei muscoli circostanti.

La tipologia di trattamento più adeguato varia in base alle caratteristiche specifiche della condizione e del paziente.

Per questo motivo, assieme al chirurgo, si dovrà decidere se intraprendere un trattamento chirurgico o non chirurgico.


Il recupero del legamento crociato anteriore senza intervento 

Il trattamento conservativo è indicato nei casi in cui non sono presenti instabilità o altre lesioni associate, o nei soggetti con ridotte richieste funzionali.

Questo trattamento mira a ridurre o eliminare la sintomatologia e a ripristinare l’articolarità, la forza, il controllo neuromuscolare dell’intero arto inferiore e prevenire ulteriori infortuni. 

Attraverso un programma di fisioterapia, si recupera l’intera gamma di movimento, la flessibilità e l’elasticità muscolare. 

Lo scopo è di tornare a svolgere le normali attività garantendo la stabilità dell’arto coinvolto. 

Per gli sportivi che vogliono continuare a praticare uno sport ad alti livelli si rende necessario  l’intervento di ricostruzione.

L’intervento chirurgico

L’intervento chirurgico viene indicato in pazienti:

  • Che non riescono a praticare sport;
  • Con particolari richieste funzionali;
  • In caso di instabilità durante le attività quotidiane;
  • In presenza di lesioni al menisco o lesioni che interessano altri legamenti.

Indispensabile è la riabilitazione pre operatoria, che permette di arrivare all’intervento ripristinando la gamma di movimento, la forza e il controllo neuromuscolare. 

Questo aiuta ad ottenere risultati migliori.

Dopo questo percorso di “preparazione” il paziente è sottoposto all’operazione. 

L’esito positivo dell’intervento garantisce il ripristino della funzionalità del legamento, la stabilità del ginocchio e permette al soggetto di tornare ai precedenti livelli nelle attività quotidiane, lavorative e sportive. 

Non è solitamente possibile salvare il legamento crociato, per questo si parla di ricostruzione del legamento: viene infatti prelevato un tendine da un’altra sede e utilizzato per costruire quello nuovo.

In casi particolari possono essere usati il tendine rotuleo, il tendine quadricipitale o un tendine dalla banca dell’osso.

La ricostruzione avviene mediante l’artroscopia attraverso piccole incisioni sul ginocchio.

La ricostruzione del legamento crociato anteriore

Le fasi dell’intervento di ricostruzione sono:

  • Anestesia spinale: sicura, e se il paziente vuole, può essere addormentato durante l’intervento;
  • Due piccole incisioni sul ginocchio nelle quali introdurre la telecamera (artroscopio) e gli strumenti necessari;
  • Dall Artroscopio viene iniettata soluzione salina nel ginocchio in modo da espandere lo spazio articolare e visualizzare tutte le strutture su uno schermo della sala operatoria;
  • Prima fase dell’artroscopia: vengono visualizzate tutte le strutture articolari inclusi i menischi e le cartilagini articolari, qualora vi fossero delle lesioni vengono riparate ed è confermata la lesione del LCA;
  • Seconda fase: prelievo del tendine che verrà utilizzato con nuovo crociato mediante un’incisione di circa 3 cm sulla porzione superiore della tibia;
  • Creazione di due piccoli tunnel ossei, uno nel femore ed uno nella tibia, all’interno dei quali è inserito il nuovo legamento che viene bloccato in sede.

Il recupero post intervento, come rinforzare il legamento?

Il giorno stesso dell’intervento è possibile camminare con tutto il peso sulla gamba operata e non è necessario indossare alcun tutore: per ragioni di sicurezza, è opportuno utilizzare 2 stampelle.

Pochi giorni dopo è possibile iniziare la terapia fisica mirata al rinforzo muscolare, soprattutto del quadricipite, e al recupero dell’arco di movimento.

Il recupero della completa estensione del ginocchio è un paramento che deve essere assolutamente raggiunto il prima possibile.

Per raggiungere ciò, è importante seguire un programma riabilitativo basato su esercizi a carico incrementale e che determinino un adattamento progressivo del tuo ginocchio al carico stesso.

Maggiore sarà la variabilità degli esercizi a cui il tuo ginocchio sarà esposto, migliore sarà la sua capacità di adattarsi a tutti i movimenti successivamente.

Il nuovo crociato deve avere il tempo di integrarsi e saldarsi fortemente all’osso. 

Dopo l’intervento, è possibile:

  • Tornare sulla bicicletta dopo un mese;
  • Correre circa tre mesi dopo;
  • Una riabilitazione specifica per  il tuo sport con attività leggera dopo quattro mesi;
  • Ritorno allo sport agonistico a sei mesi dall’intervento.

Se presenti una lesione del crociato anteriore e vuoi avere informazioni sui possibili rimedi, rivolgiti ad Ortomedic.

Puoi fissare una prima visita con il Dr. Vanni Strigelli, specialista nella chirurgia ortopedica del ginocchio.