Tornare subito a camminare dopo la protesi all’anca, si può!

L’intervento di protesi d’anca permette di tornare subito a camminare e ad una vita normale.

Le patologie che colpiscono l’articolazione dell’anca sono particolarmente dolorose e invalidanti.

Quando il dolore impedisce anche movimenti semplici, può essere dovuto all’artrosi dell’anca. 

I sintomi principali dell’artrosi dell’anca sono: dolori intermittenti e rigidità nei movimenti, che, negli stadi più avanzati, possono limitare gli impegni della vita di tutti i giorni.

Attività banali della quotidianità come camminare, fare le scale, correre, guidare, ma anche dormire e vestirsi agevolmente, risultano molto difficoltose, e a volte si tramutano in ostacoli insormontabili.

Prima di aggravare la situazione fino a compromettere la qualità della vita, è fondamentale rivolgersi ad un ortopedico specializzato che possa intervenire per risolvere il problema.

Avere a disposizione una soluzione efficiente come la chirurgia, vuol dire avere la possibilità di tornare a godersi pienamente le proprie giornata, e soprattutto, riprendere a camminare senza difficoltà o dolore.

L’intervento di protesi d’anca è tra quelli che registrano il maggior tasso di successo nei reparti di chirurgia ortopedica in tutta Italia.

Sicura ed efficace, la pratica chirurgica ha i migliori livelli di riuscita, grazie all’uso di materiali e tecniche all’avanguardia e in continua evoluzione. 

La protesi fa cessare il dolore e può permettere il ritorno a una vita normale per tutti coloro che sono affetti da artrosi o malattie autoimmuni. 

Dopo quanto potrai riprendere a camminare?

Quando la patologia è in fase iniziale è possibile intervenire con sedute di fisioterapia e farmaci specifici; quando invece è in stadio avanzata, l’unica terapia efficace diventa l’intervento chirurgico di protesi dell’anca. 

Se hai valutato con lo specialista di intervenire chirurgicamente, sono molte le domande a cui vorrai avere una risposta. 

Prima fra tutte, quando potrai riprendere a camminare.

Il cammino è ciò che ti rende libero e indipendente. 

Vuoi privarti di una possibilità così importante?

Tornare il prima possibile ad essere autonomi diventa la motivazione principale di chi decide di operarsi.

In cosa consiste l’operazione?

La procedura di protesi totale d’anca consiste nella sostituzione dell’articolazione danneggiata con una protesi artificiale. 

Dovrai smettere di camminare per i primi giorni?

Assolutamente no.

Il paziente che si opera di protesi all’anca non smette mai di camminare. 

Tutto questo grazie ad un nuovo approccio, che ti permette di alzarti e camminare già dopo poche ore dall’intervento: a distanza di 5/6 ore, con un minimo di dolore e fastidio, potrai fare anche i primi passi.

In più, non avrai bisogno del catetere vescicale, e sia il dolore che il sanguinamento saranno molto ridotti. 

In modo da ridurre la tua permanenza in ospedale il più possibile. 

Infatti, i tempi di recupero sono molto più veloci rispetto alla chirurgia protesica tradizionale, e la riabilitazione inizia immediatamente.

Alzarsi dal letto, riprendere a camminare bene, compiere movimenti diversi, dopo una protesi all’anca, sarà molto più facile se rinforzi la muscolatura anche prima dell’intervento.

Non sei solo tu, il paziente da solo, responsabile della ripresa del cammino dopo una protesi di anca. 

Per rimetterti in piedi il giorno stesso dell’intervento, le tecniche chirurgiche sono fondamentali. 

Mini invasività, ridotto sanguinamento, interventi brevi: questi sono i cardini del recupero rapido che porta tutti i pazienti a poter camminare a poche ore dall’intervento.

Anche la qualità e il tipo di protesi impiantata è fondamentale per la tua ripresa.

Ogni paziente in base all’età’ alla qualità’ dell’osso e alla forma della sua anca necessita’ di una protesi specifica.

Le protesi moderne infatti hanno un’ottima stabilità fin da subito: consentono di essere caricate con il 100% del peso corporeo, così da camminare dopo l’intervento di protesi d’anca senza dover aspettare ulteriore tempo.

Camminare è la migliore riabilitazione per tutti.

E’ terapeutica, e nel cammino utilizzi i muscoli, consentendo di tornare presto a stare bene.

Il consiglio è di iniziare poco per volta, seguendo le indicazioni di uno specialista, per poi aumentare il tempo e la distanza a seconda di come il tuo corpo reagisce e di come ti senti.

Senza dubbio, è la migliore terapia per riprendere a camminare dopo una protesi d’anca.

Tutto questo ha un nome: Ortomedic.

Il Dr. Vanni Strigelli, grazie al nuovo approccio chiamato Rapid Recovery, ti permette di tornare a camminare subito dopo un intervento di protesi all’anca. 

Guardas le testimonianze e scopri quali altri benefici puoi provare con Ortomedic.